Condividi!

Ansia è un termine molto diffuso e usato per indicare una serie di reazioni cognitive, comportamentali e fisiologiche che nascono a seguito di uno stimolo ritenuto minaccioso

Esistono numerosi Disturbi d’Ansia. In generale, la Persona con un Disturbo d’Ansia prova ansia e preoccupazione nei confronti di un oggetto o di una situazione, che possono sfociare in Attacchi di Panico.

Procediamo nei seguenti paragrafi a enunciare le categorie dei Disturbi d’Ansia, in accordo al DSM V.

 

Disturbo d’Ansia di Separazione

La caratteristica principale del Disturbo d’Ansia di Separazione è una paura o un’ansia eccessiva, rispetto allo stadio di sviluppo, riguardante la separazione da casa o dalle figure di attaccamento. Per poter essere diagnosticato, questo sintomo deve persistere per più di 6 mesi.

Oltre a questo sintomo le Persone con Disturbo d’Ansia di Separazione mostrano preoccupazione in merito al benessere o alla morte delle figure di attaccamento e hanno bisogno di sapere dove si trovano, nonché il desiderio di stare fisicamente con loro. Hanno paura di perdersi e di essere soli.

Nei bambini sono sufficienti 4 settimane di persistenza del sintomo per poter essere diagnosticato loro il Disturbo.

 

Mutismo Selettivo

La mancanza del linguaggio si verifica nelle interazioni sociali con bambini o adulti. I bambini con mutismo selettivo parlano nella propria casa in presenza di familiari stretti, mentre spesso evitano di parlare se in compagnia di parenti di secondo grado o amici.

Spesso evitano di parlare a scuola, arrecando non poche difficoltà agli Insegnanti che tentano di instaurare con i bambini un percorso educativo.

 

Fobia Specifica

La Fobia Specifica è la paura o l’ansia che un determinato oggetto o una determinata situazione suscita nella Persona. Da considerare, in accordo al DSM V, che nei bambini “La paura o l’ansia possono essere espresse dal pianto, scoppi di collera, immobilizzazione o aggrappamento”.

Per essere diagnosticabile, la Persona deve avere un comportamento di evitamento di quella specifica situazione, la quale altrimenti susciterebbe, quasi sempre, paura o ansia.

La Fobia Specifica provoca un disagio significativo in ambito sociale, lavorativo o in altre aree importanti.

È comune per le Persone avere più di una Fobia. Il 75% delle Persone con Fobia Specifica teme infatti più di un oggetto/situazione, mentre la Persona media con Fobia Specifica arriva a temere anche tre oggetti o situazioni.

 

Disturbo d’Ansia Sociale (Fobia Sociale)

A questo Disturbo afferiscono le interazioni sociali, nelle quali la Persona sente di essere sotto esame e giudizio da parte degli altri. Nei bambini la Fobia Sociale è presente anche nell’interazione con i coetanei, non solo con gli adulti.

La Persona tende ad avere la paura di manifestare i sintomi d’ansia che saranno valutati negativamente dagli altri. La Fobia Sociale, in altri termini, rappresenta l’Ansia di sé stessa, di manifestarsi, innescando quindi un circolo vizioso nella Persona che ne soffre.

Spesso la Fobia Sociale è accompagnata da altri Disturbi d’Ansia, dal Disturbo Depressivo Maggiore e da Disturbi da uso di Sostanze. Di fatto, la Fobia Sociale prelude allo sviluppo di un altro Disturbo d’Ansia, escluse la Fobia Specifica e il Disturbo d’Ansia di Separazione.

 

Disturbo di Panico

Il Disturbo di Panico comporta che vi siano ricorrenti Attacchi di Panico, dei quali almeno uno sia seguito, per almeno un mese, dai seguenti due sintomi: preoccupazione insistente e persistente che si verifichino altri Attacchi di Panico; alterazione del proprio comportamento nel tentativo di evitare nuove manifestazioni.

L’Attacco di Panico può essere inatteso, quando non è chiaro l’elemento scatenante, oppure atteso, quando è chiaro l’elemento scatenante.

 

Agorafobia

L’Agorafobia è la paura o l’ansia, eccessiva rispetto alla reale pericolosità della situazione, di utilizzare mezzi di trasporto pubblico, di trovarsi in spazi aperti o chiusi, in fila tra la folla o semplicemente di essere da soli fuori casa.

Per poter essere diagnosticata l’Agorafobia devono persistere per almeno 6 mesi sia la paura che i comportamenti di evitamento.

L’Agorafobia differisce sia dalla Fobia Specifica che dall’Attacco di Panico, e per questo deve essere diagnostica indipendentemente.

Più di un terzo delle Persone con Agorafobia sono costrette in casa, incapaci di lavorare.

 

Disturbo d’Ansia Generalizzata

Il Disturbo d’Ansia Generalizzata implica una preoccupazione o un’ansia eccessive, presenti per la maggior parte dei giorni nell’arco di almeno 6 mesi continuativi e in maniera incontrollabile.

Per poter essere diagnosticato questo Disturbo, la Persona deve manifestare almeno tre dei seguenti sintomi, se adulto, o uno soltanto se bambino: sentirsi tesi e irrequieti, affaticarsi facilmente, avere difficoltà a concentrarsi e vuoti di memoria, essere irritabili, avere tensione muscolare, avere un sonno alterato.

 

Disturbo d’Ansia indotto da sostanze/farmaci

Nessuno dei casi precedenti può sussistere se in presenza di uso di farmaci o sostanze, per le quali è invece diagnosticabile il Disturbo d’Ansia indotto da sostanze/farmaci.

In accordo al DSM V, “Nel quadro clinico predominano Attacchi di Panico o ansia”, i quali “Sono comparsi durante o subito dopo l’intossicazione o l’astinenza da sostanze, o dopo l’assunzione di un farmaco”, oppure ancora “La sostanza/farmaco coinvolta/o è in grado di produrre i sintomi”.

Si può diagnosticare un Disturbo d’Ansia non indotto da sostanze/farmaci solo se i sintomi si manifestano almeno un mese prima dall’esordio di assunzione di sostanze o farmaci, e persistono per almeno un mese dopo il termine dell’astinenza acuta. Se nel quadro clinico non predominano gli Attacchi di Panico si può parlare di intossicazione da sostanze o astinenza.

 

Disturbo d’Ansia dovuto a un’altra condizione medica

La condizione di questo Disturbo d’Ansia non è spiegabile da un altro Disturbo Mentale ma può essere spiegabile, sulla base dell’anamnesi clinica, in quanto conseguenza patofisiologica diretta di un’altra condizione medica.

Non è chiara la prevalenza di tale Disturbo. Infatti, seppure vi sia una prevalenza elevata del Disturbo d’Ansia tra Persone con asma, ipertensione, ulcera e artrite, la presenza di tale Disturbo non è sempre ascrivibile direttamente alla condizione medica del sofferente.

I sintomi includono Ansia o Attacchi di Panico, i quali devono essere predominanti nel quadro clinico affinché sia diagnosticato tale Disturbo d’Ansia.

 

Disturbo d’Ansia con altra specificazione

Se la Persona lamenta sintomi caratteristici di uno o più dei Disturbi d’Ansia, ma non soddisfa appieno tutti i criteri per i quali gliene può essere diagnosticato uno, siamo in presenza di un Disturbo d’Ansia con altra specificazione.

 

Disturbo d’Ansia senza specificazione

Il Disturbo d’Ansia senza specificazione presenta sintomi non sufficienti per poter attribuire alla Persona uno dei Disturbi d’Ansia.

 

Se hai trovato interessante quanto hai appena letto, approfondisci l’argomento cliccando sui trattamenti elencati di seguito

Consulenza Psicologica Individuale
Psicoterapia Individuale
Consulenza Psicologica di Coppia
Psicoterapia di Coppia
Consulenza Psicologica Familiare
Psicoterapia Familiare
Mediazione Familiare
Psicodiagnosi
Consulenza Psichiatrica
Consulenza in Neuropsichiatria Infantile
Consulenza in Logopedia
Consulenza Tutoraggio per Disturbi Specifici di Apprendimento
Consulenza Nutrizionale
Consulenza in Dietologia
Consulenza Psicologica Individuale on-line
Psicoterapia Individuale on-line
Consulenza Psicologica di Coppia on-line
Psicoterapia di Coppia on-line
Consulenza Mediazione Familiare on-line
Mediazione Familiare on-line
Consulenza e Percorsi Formativi per Educatori e Docenti

Condividi!
Chiama ora